Chat with us, powered by LiveChat
AmericaDestinazioniSlider

Viaggio sub alle Turks e Caicos, nel blu dei Caraibi

turks-e-caicos-viggio-sub

Attraverso un viaggio sub alle Turks e Caicos, avrete modo di scoprire una delle 20 mete al mondo più rinomate per le immersioni. Le calde e turchesi acque caraibiche, che lambiscono queste splendide isole, custodiscono un’infinità di vita marina in centinaia di chilometri di barriere coralline tutte da esplorare.

Territorio d’oltremare del Regno Unito, l’arcipelago comprende una quarantina di isole coralline e si trova a nord di Hispaniola, non lontano dalle Bahamas. È formato dalle  isole Turk e dalle isole Caicos, separate tra loro dal Columbus Passage, un canale lungo 35 chilometri, luogo di passaggio per pesci, razze, tartarughe, delfini e megattere. Le isole principali sono 8, tra queste Grand Turk e Salt Cay sono le più popolate e famose delle Turks, mentre Providenciales , nota come Provo, è quella più grande e nota di Caicos.

Grand Turk è l’isola maggiore, centro amministrativo dell’arcipelago e sede della capitale Cockburn Town. L’isola più turistica, con il principale scalo aereo, è invece Providenciales, con le sue lunghe spiagge di sabbia finissima. Nonostante il grande afflusso di turisti, le isole Turks e Caicos hanno mantenuto intatte le loro caratteristiche rurali e la loro vivace anima caraibica, che va a mescolarsi in maniera perfetta con elementi di cultura indio, maya ed africani. Gran parte della costa è protetta dall’Ordinanza sui parchi nazionali e questo si traduce in un’abbondanza di siti di immersione incontaminati e ricchi di vita e di paesaggi mozzafiato.

Scopriamo insieme cosa vedrete immergendovi in queste sorprendenti acque e quali sono i siti imperdibili per il perfetto viaggio sub alle Turks e Caicos.

Vita marina e siti d’immersione

Le isole Turks e Caicos custodiscono barriere coralline intatte e pullulanti di vita che si estendono per decine e decine di chilometri. Questi magnifici reef caraibici, ricoperti di coralli e spugne, sono rallegrati dalla presenza di pastinache a macchie, barracuda, aragoste, granchi, aquile di mare, squali di barriera, nutrice, pinna nera, tigre e martello, murene, cernie di Nassau, tartarughe, delfini, anguille dei giardini, carangidi, calamari, polpi e circa 100 specie differenti di pesci come il pesce rasoio, pipistrello, rondine, leone, minatore, angelo e balestra.

Tra febbraio ed aprile, migliaia di megattere che migrano dall’Atlantico Settentrionale attraversano queste acque, regalando uno degli spettacoli naturali più belli e affascinanti al mondo. Altro fenomeno imperdibile è il cosiddetto Glow Worm: durante la luna piena di ogni mese, nel buio della sera, migliaia di lucciole bioluminescenti illuminano queste acque e si accoppiano, dando vita ad uno spettacolo di luci e bagliori.

Immergendosi in queste acque turchesi, le possibilità di imbattersi in splendidi esemplari di tartarughe embricate sono molto alte, così come quelle di incontrare simpaticissimi delfini che, per nulla intimoriti dalla presenza dell’uomo, giocano nelle scie delle imbarcazioni. Il più famoso è “Jojo”, un delfino tursiope che nuota nella zona di Provo sin dagli anni ’80. Jojo è selvaggio, ma molto spesso si avvicina spontaneamente ai sub, rallegrando le loro immersioni.

Tra i vari siti, Providenciales è senza dubbio quello più turistico dell’intero arcipelago. Su quest’isola si trova il Princess Alexandra National Marine Park, un parco costiero e marino di 2643 ettari, le cui barriere e lagune ne fanno un vero paradiso per gli appassionati di immersioni e snorkeling. Sul lato nord di Provo, protetto da una lunga barriera corallina, troviamo Grace Bay, con i suoi nove chilometri di sabbia finissima e siti di immersione ricchi di coralli, pareti e canyon dimora di cernie, barracuda, tartarughe, squali e, occasionalmente, mante. Appena fuori da Provo c’è North West Point, caratterizzato da una parete che si inabissa fino a 900 metri tra coralli duri e molli, barracuda, carangidi, aragoste, granchi e numerose specie di pesci.

Grand Caicos , North Caicos, South Caicos sono isole abitate e rappresentano l’ideale per chi vuole vivere una vacanza all’insegna della tranquillità in un ambiente naturale di estrema bellezza. West Caicos, invece, è un’isola disabitata a sud-ovest di Provo, nota per le sue pareti ricoperte di spugne e coralli e per le creature pelagiche che vi si aggirano. L’isola ospita il lago Catherine, collegato al mare attraverso passaggi sotterranei e dimora di fenicotteri e tartarughe.

French Cay è un’altra piccola isola a sud di Provo ed è la sola da cui non si può vedere nessun’altra isola. In passato covo di pirati, ora è un santuario naturale protetto e uno dei posti migliori delle Turks e Caicos per ammirare gli squali. Gli squali grigi sono la varietà più facile da incontrare, ma a volte è possibile imbattersi anche in squali nutrice, martello, toro, limone e tigre.

Situato nel Columbus Passage, Salt Cay è il primo posto per osservare le megattere che migrano
dall’Atlantico Settentrionale verso le calde acque dominicane. Questa zona ha anche molto altro da offrire, compreso un relitto di una nave da guerra britannica, la HMS Endymion, grotte e pareti mozzafiato.

A Grand Turk, centro amministrativo, politico e culturale dell’arcipelago, troviamo il Columbus National Marine Park, con numerosi punti di immersione, pareti che si inabissano nelle profondità e una straordinaria varietà di incredibili creature marine come le anguille da giardino, squali nutrice, cernie di Nassau, tartarughe e coloratissimi pesci tropicali.

turks & caicos viaggi per sub

Parrot Cay è famosa per essere l’isola dei vip. Qui si trova il resort più famoso di tutti i Caraibi, il Parrot Cay by Como, ed è facile incontrare grandi divi di Hollywood che hanno scelto questo paradiso terrestre come meta delle loro vacanze.

Viaggio sub alle Turks e Caicos: quando andare

Le Turks e Caicos, in linea generale, sono visitabili tutto l’anno, però il periodo giugno-novembre potrebbe essere caratterizzato da depressioni tropicali e uragani. I mesi da maggio ad ottobre sono quelli più caldi e afosi, quelli da settembre a dicembre i più piovosi e quelli da dicembre a marzo i più freschi e ventilati. Dunque il periodo migliore per un viaggio sub alle Turks e Caicos è quello che va da gennaio ad aprile, con aprile il mese migliore in assoluto. Il periodo giusto per assistere all’affascinate migrazione delle megattere va da febbraio ad aprile.

Le temperature dell’acqua non scendono quasi mai al di sotto dei 26° C, ed è quindi possibile immergersi in ogni periodo dell’anno.

Se ti è venuta voglia di scoprire questo magnifico arcipelago scopri le offerte di DiveCircle e prenota la tua vacanza diving alle isole Turks e Caicos!

DiveCircle
Leave a Comment