AmericaDestinazioniSlider

Vacanza sub nella Repubblica Dominicana, tra balene e misteriosi relitti

vacanza-sub-repubblica-dominicana

Una vacanza sub nella Repubblica Dominicana è una tappa quasi obbligatoria per tutti gli appassionati di immersioni, snorkeling e whale watching. Famosa in tutto il mondo per le sua magnifiche spiagge, per il suo mare e per la sua gente allegra e ospitale, la Repubblica Dominicana è situata nei due terzi orientali dell’isola caraibica di Hispaniola, nelle Grandi Antille, confina a ovest con la repubblica di Haiti ed è bagnata a nord dall’Oceano Atlantico, a sud dal Mar dei Caraibi e a est dal Canale della Mona, che la separa da Porto Rico. La capitale è Santo Domingo, città popolosa e salita alla ribalta delle cronache per il suo status di “paradiso fiscale”. La sua cultura è di stampo fortemente ispanico, anche se non mancano contaminazioni africane e statunitensi, riscontrabili anche nell’ottima cucina.

Questo paese montuoso, dalla natura lussureggiante e dal clima tipicamente tropicale, custodisce una barriera corallina sorprendente. In queste calde acque, coralli, grotte e relitti diventano l’habitat ideale di un’infinità di creature come polpi, barracuda, tartarughe, squali, aquile di mare, delfini, lamantini, megattere e pesci tropicali di ogni forma e colore.

Scopriamo insieme quali sono i siti più interessanti e quale è il periodo migliore per partire per una vacanza sub nella Repubblica Dominicana.

I migliori siti di immersione

Una vacanza sub nella Repubblica Dominicana è il sogno di molti subacquei, snorkelers o semplici appassionati di mare di tutto il mondo. Le sue acque calde e dall’ottima visibilità, sono ricche di grotte, relitti, mangrovie, barriere e di moltissime specie di creature marine di ogni forma e dimensione: dagli splendidi pesci tropicali come il pesce farfalla, il pesce angelo e il pesce pappagallo, alle maestose megattere di Silver Bank; dalle tartarughe marine, verdi, embricate, liuto e caretta caretta, ai simpaticissimi lamantini che popolano le acque in prossimità degli estuari.

I punti di immersione, così come i diving center, sono moltissimi, adatti sia ai sub esperti che ai principianti. Punta Cana, nota nel mondo per le sue magnifiche spiagge e per il suoi resort di lusso, offre diverse tipologie di immersioni, da quelle in barriera a quelle sui relitti. Due tra i siti più famosi sono La Cueva, dove potrai immergerti in bellissime caverne, e il relitto Astron, una nave cargo russa affondata circa 30 anni fa a causa di una tempesta, ora dimora di una miriade di pesci, tra cui pesci timone, pesciolini argento e barracuda.

Da Punta Cana è possibile recarsi a Isla Catalina, un vero e proprio gioiello lambito dalle acque caraibiche. Quest’isola disabitata, diventata parco marino nazionale, ospita una barriera poco profonda in un mare dall’alta visibilità. Qui potrai nuotare tra coralli, spugne, murene, aragoste, delfini, tartarughe e coloratissimi pesci tropicali. I principali siti di immersione sono due: The Wall, in cui è possibile scendere fino a 30 metri tra coralli neri, spugne e pelagici, e l’Acquario, profondo solo 12 metri ma con una vita marina altrettanto interessante.

Altro sito imperdibile è Bayahibe, con le sue magnifiche formazioni coralline animate da aquile di mare, delfini, razze, squali, tartarughe, dugonghi e tantissime specie di pesci caraibici. Qui troviamo il relitto Saint Georges, affondato volontariamente nel 1999 per creare una barriera sottomarina artificiale; un’immersione adatta ai sub più esperti. Bayahibe si trova di fronte al Parco Nazionale dell’Est. Un paradiso tropicale, area protetta dal 1975, ricco di lussureggiante natura, animali, spiagge candide e fondali incontaminati.

Tra le mete più note delle Repubblica Dominicana, vi è senza alcun dubbio la Baia di Samanà, raggiungibile da Santo Domingo. Qui ogni anno, da gennaio a marzo-aprile, approdano oltre 10 mila megattere che, dopo un lungo viaggio che inizia dalle gelide acque del nord, si fermano in queste calde acque per l’accoppiamento, dando luce ad uno spettacolo di canti e acrobazie unico al mondo. Altro luogo perfetto per poter ammirare le megattere è Silver Bank, un banco sommerso nell’Oceano Atlantico, a nord della Repubblica Dominicana ed a sud delle isole Turks e Caicos, che dal 1996 è diventato “Santuario dei mammiferi marini”.

Di fronte a Santo Domingo si trova il Parco Nazionale sottomarino de La Caleta, uno dei migliori punti dei Caraibi per fare immersioni sui relitti. Su questi fondali giacciono numerose imbarcazioni, come l’Hickory, un cargo di 44 metri di lunghezza, e il Limon, un’imbarcazione di 21 metri ora ricoperta di spugne e splendidi coralli.

Pedernales e Barahona sono aree esplorate da poco che vantano un’ampia baia protetta, grotte, reef intatti e una vasta gamma di flora e fauna marina. A Luperon Wall, nella costa nord, vi aspetta una spettacolare parete ricoperta di coralli e spugne, attorno a cui nuotano anguille, barracuda, cernie, mante, tartarughe e aquile di mare.

Meta perfetta sia per i sub che per gli appassionati di snorkeling è l’Isola di Saona, dove tra scogliere, giardini di coralli, gorgonie e spugne, è possibile avvistare esemplari di squali nutrice. Altri ottimi siti di immersione sono Puerto Plata e Sosùa sulla costa settentrionale e Juan Dolio su quella meridionale.

Agli amanti dello snorkeling consigliamo la costa meridionale della Repubblica Dominicana dove potranno godere delle calde e calme acque del Mar dei Caraibi. I migliori siti sono La Romana e Sosùa.

Vacanza sub nella Repubblica Dominicana: quando andare

Nella Repubblica Dominicana  per tutto l’anno le temperature oscillano tra i 20° C dei mesi di gennaio e febbraio, ai 34° C di luglio ed agosto.

Le immersioni possono essere effettuate tutto l’anno, ma nelle valli interne e lungo la costa meridionale (v. Santo Domingo, Punta Cana), il periodo migliore va da dicembre a metà aprile. Sulle coste settentrionali (provincia di Samaná, Sabana de la Mar), si può scegliere febbraio e marzo, che sono i mesi meno piovosi.

viaggi per sub repubblica dominicana

L’estate è afosa e con possibilità di uragani (soprattutto ad Agosto). Comunque, per chi volesse recarsi lì in questo periodo, vi sono aree in cui non piove molto, come la costa nord-occidentale, dal confine con Haiti fino alla Amber Coast (dove la stagione meno piovosa è il periodo giugno-settembre), la costa sud-ovest, e la parte della costa meridionale ad est di Santo Domingo (fino a Punta Cana).

Per ammirare le balene, nella loro stagione degli accoppiamenti, il periodo migliore va da gennaio (preferibilmente seconda metà) a marzo-aprile.

Scopri le offerte di DiveCircle e prenota subito la tua vacanza sub nella Repubblica Dominicana!

DiveCircle
Leave a Comment