Azzorre

DestinazioniEuropaSlider

Viaggio per sub alle Azzorre, dove regnano le balene

Azzorre

Un viaggio per sub alle Azzorre è la vacanza perfetta se il vostro desiderio è restare in Europa ma, nello stesso tempo, visitare una terra incontaminata dal sapore esotico che richiami alla mente terre lontane e selvagge.

Questo magnifico arcipelago ti ammalierà con i suoi fondali ricchi di vita e i suoi paesaggi mozzafiato. Durante il tuo viaggio sub alle Azzorre vedrai vulcani, foreste, scogliere a strapiombo sul mare, cascate, laghi, grotte, chiese, fari, decine e decine di punti di immersione e un fantastico mare, dimora di alcune delle creature marine più nobili e affascinanti, come le balene, i delfini e gli squali.

L’arcipelago delle Azzorre, regione autonoma del Portogallo, si trova nell’Oceano Atlantico, a 1403 chilometri dalle coste del Portogallo e a circa metà strada tra Europa e Nord America. Le 9 isole principali che lo compongono sono São Miguel, Santa Maria, Terceira, Graciosa, São Jorge, Pico, Faial, Flores e Corvo. Pur facendo parte dello stesso arcipelago ed essendo tutte di origine vulcanica, queste isole presentano delle peculiarità uniche, che le differenziano l’una dall’altra.

Le acque che circondano questo paradiso nel cuore dell’Atlantico, vantano una delle più elevate concentrazioni di cetacei di tutto il mondo (oltre 30) e questo le rende uno tra i siti migliori al mondo per praticare il whale watching e per vivere l’esperienza magica di nuotare con i delfini.

Viaggio per sub alle Azzorre, cosa vedere

Gli avvistamenti alle Azzorre sono all’ordine del giorno. Oltre alla balenottera azzurra, è possibile avvistare la balenottera comune, la balenottera boreale, la megattera, l’orca e il maestoso e gigantesco capodoglio.

Per poter godere della magica esperienza di nuotare con i delfini, non è necessario essere sub esperti, ma è sufficiente una minima confidenza con pinne, maschera e boccaglio.

viaggio sub alle Azzorre-Whale watching

Anche gli appassionati di diving e snorkeling resteranno più che soddisfatti. Per via della sua relativamente giovane età geologica, gli strati sottomarini di questa zona sono in costante cambiamento, pieni di ripide salite e arcate vulcaniche, grotte, condotti lavici, gole e canyon che non aspettano altro che essere esplorati.

Le Azzorre presentano un’abbondanza di vita marina, dai nudibranchi multicolore a vari tipi di squali. Le immersioni costiere offrono anch’esse le proprie attrazioni, come le aragoste pantofole, i dasiaditi e le cernie grigie. Tuttavia sono le immersioni in mare aperto a riservare le emozioni più grandi, tra barracuda, marlin, wahoo, tonni, jackfish e soprattutto squali. La possibilità di nuotare con i famosi squali mako o le verdesche è assolutamente unica, essendo questi animali molto schivi. A volte in queste sorprendenti acque è possibile imbattersi anche in squali blu, squali martello e persino squali balena.

Viaggio per sub alle Azzorre, quando andare

Il periodo migliore per una vacanza sub alle Azzorre va da inizio maggio a fine ottobre, anche se il clima in questo arcipelago è piacevole in qualsiasi periodo dell’anno. In primavera, le immersioni notturne sono davvero fantastiche con avvistamenti di squali, calamari, razze chiodate e nuvole di krill. Da luglio a ottobre è il periodo migliore per avvistare squali blu e mante, invece le balenottere azzurre e i delfini sono avvistabili tutto l’anno, con una maggiore probabilità nei mesi di marzo e aprile.

viaggi per sub azzorre

Curioso di sapere di più su questo meraviglioso arcipelago? Scoprilo durante i viaggi per sub! Le Isole Azzorre ti aspettano per vivere un’avventura incredibile!

DestinazioniEuropa

Vacanza sub alle Azzorre: un paradiso nel cuore dell’Atlantico

Azzorre

Una vacanza sub alle Azzorre è il regalo perfetto da fare a chiunque sia alla ricerca di un viaggio che coniughi bellezza, natura incontaminata e selvaggia, distacco assoluto da stress e caos e amore per i grandi abitanti dell’oceano, ovvero le maestose balene, i dolcissimi delfini e i nobili squali.

Paesaggi mozzafiato, montagne, vulcani, laghi, grotte, scogliere, cascate, cittadine incantevoli, più di 50 punti di immersione ed un mondo subacqueo di straordinaria ricchezza. Questo e molto altro vi aspetta durante la vostra vacanza sub alle Azzorre!

Vacanza sub alle Azzorre: dove andare e cosa fare

L’arcipelago delle Azzorre, regione autonoma del Portogallo, si trova nell’Oceano Atlantico, a 1403 chilometri dalle coste del Portogallo e a circa metà strada tra Europa e Nord America.

Il periodo migliore per una vacanza sub alle Azzorre va da inizio maggio a fine ottobre, anche se il clima in questo arcipelago è piacevole in qualsiasi periodo dell’anno.

Le Azzorre comprendono 9 isole abitate e 8 disabitate, tutte di origine vulcanica. Le 9 isole principali sono distribuite in 3 gruppi. São Miguel, Santa Maria e gli isolotti Formigas costituiscono il gruppo orientale, quello più vicino all’Europa; Terceira, Graciosa, São Jorge, Pico e Faial formano il gruppo centrale; Flores e Corvo danno vita al gruppo di isole occidentale, quello più vicino alla costa del Nord America.

Pur facendo parte dello stesso arcipelago, queste isole si differenziano moltissimo tra di loro, pur avendo come elemento comune una bellezza e un fascino che vi conquisteranno al primo sguardo.

Scopriamole insieme!

Isola di Pico

L’isola di Pico è una tappa obbligatoria durante una vacanza sub alle Azzorre. È un’isola che ha davvero tanto da offrire, sia dal punto di vista naturalistico che architettonico. Vegetazione lussureggiante, sentieri, vallate, pittoresche cittadine, grotte, vigne e paesaggi alpini, coste frastagliate, formazioni laviche, crateri e più di 20 siti di immersione dove poter ammirare i bellissimi fondali e ricchi di fauna marina locale.

Sull’isola di Pico le attività da praticare sono numerose, ma di sicuro la più famosa e richiesta è il whale watching, gite organizzate in mare aperto per poter fotografare e osservare le balene o vivere l’emozionante esperienza di nuotare con i delfini, ma che spesso riservano incontri ravvicinati anche con capodogli, mante e squali. Per quanto riguarda questi ultimi, le isole Azzorre sono il luogo ideale dove immergersi in totale sicurezza in compagnia di squali pelagici come mako e verdesca.

L’isola di Pico è sovrastata dall’omonima montagna, che con i suoi 2.351 metri, è la più alta di tutto il Portogallo.  Questo perché le Azzorre sono a tutti gli effetti cime di alcune montagne che, se misurate dalla base in fondo all’oceano, sono tra le più alte di tutto il mondo.

Città principale e porto peschereccio di Pico è Madalena, dove arrivano le navi provenienti dalle altre isole. Imperdibile la visita ad Arcos do Cachorro, un gruppo di formazioni rocciose di origine vulcanica, che hanno dato vita a sculture, nicchie e tubi lavici dove il mare si insinua impetuoso.

Sempre sull’isola di Pico meritano una visita il Parque forestal Prainha do Norte e Lajes, in passato importante centro di attività baleniere. A Lajes potrete visitare il museo delle balene, il Forte di Santa Catarina e l’Eremo di Sao Pedro.

A circa un chilometro da Lajes, si trova Vigia da Queimada, un affascinante punto di avvistamento per balene e altri cetacei con una piccola torretta, da cui giungono via radio le indicazioni per le imbarcazioni con i turisti che vogliono praticare whale watching alle Azzorre.

A 93 chilometri dall’Isola di Pico, troviamo Princess Alice Bank, uno dei siti di immersione delle Azzorre più conosciuti al mondo. Qui, attorno ad un pinnacolo che dalle profondità dell’oceano arriva a circa 35 metri dalla superficie dell’acqua, branchi di amichevoli mante e mobule si affollano, attratti dall’acqua ricca di nutrienti. Benché le mante siano le assolute protagoniste, non è raro incontrare anche grandi carangidi, tonni e murene.

Faial

Faial è anche detta l’isola blu, per via delle bellissime ortensie blu che circondano la Caldeira, un enorme cratere vulcanico caratterizzato da una vegetazione lussureggiante e da moltissimi punti panoramici che vi permetteranno di godere a pieno della magnificenza di questa isola.

La capitale di Faial è Horta, una delle maggiori cittadine delle Azzorre, conosciuta per la sua marina perfettamente equipaggiata che può ospitare fino a 1300 barche ogni anno, ma soprattutto per i bellissimi murales che decorano la banchina del porto, lasciati nel corso degli anni da navigatori e marinai di tutto il mondo in segno di buon auspicio.

Per ammirare una vista mozzafiato sulla città occorre recarsi sul Monte Guia, un antico vulcano, oppure a Ponta da Espalamaca, un promontorio che regala un’incantevole vista dall’alto della città e del porto.

Altra tappa imperdibile durante la vostra vacanza sub alle Azzorre è il Vulcão dos Capelinhos, formatosi nei millenni grazie alla sovrapposizione di strati di lava. Qui vi accoglierà un paesaggio aspro e selvaggio che vi permetterà di sentirvi parte reale della natura che vi circonda.

Faial è un luogo magico, scelto soprattutto dagli appassionati della natura selvaggia, ma che, agli amanti del mare, offre delle bellissime spiagge di sabbia nera vulcanica e la possibilità di praticare whale watching, snorkeling e subacquea di altissima qualità. A questo proposito, assolutamente imperdibile, durante una vacanza sub alle Azzorre, un’immersione nelle “piscine naturali” createsi nelle rocce vulcaniche. Qui verrete in contatto con gli animali più maestosi e regali del mare, come le balenottere azzurre, i delfini, le testuggini e una miriade di pesci atlantici.

São Miguel

Se Faial è l’isola blu, São Miguel è conosciuta come la Ilha Verde, ovvero l’isola verde, per via delle incredibili sfumature di verde delle lussureggianti foreste subtropicali e delle piantagioni di tabacco e di tè.

São Miguel, centro politico, economico e culturale dell’arcipelago, è l’isola più grande delle Azzorre e anche quella più turistica. I posti da visitare sono davvero tanti e tutti diversi tra loro dal punto di vista culturale e naturale.

Nella città di Ponta Delgada, capitale dell’isola, si trova il porto commerciale più grande delle Azzorre, l’unica università e uno dei tre aeroporti internazionali. Nonostante ciò, la città ha preservato nei secoli il suo fascino fatto di stradine, vicoli, mercati, botteghe ed una perfetta commistione di architettura antica e moderna. I monumenti più importanti sono la Chiesa di San Sebastiano, il Forte Sao Bràs, il Museo Carlos Machado e la Chiesa di San Giuseppe.

L’isola, essendo di origine vulcanica, possiede numerosi crateri come quelli di Fogo e Furnas (famosa per le sue sorgenti termali) e di Sete Cidades; in quest’ultimo si sono formati due stupendi laghi chiamati Lago Verde e Lago Blu, per via del colore delle loro acque, divisi tra loro da un ponte.

Nella parte centro-settentrionale dell’isola, troviamo Ribeira Grande, ricca di paesaggi naturali magnifici e di luoghi di grande interesse storico-culturale, ma è senza dubbio Nordeste il comune più affascinante di tutta Sao Miguel. Qui, in una natura selvaggia e impetuosa, sarete rapiti da un susseguirsi di montagne, gole profonde e fiumi. Alcuni dei luoghi più belli di questa zona sono il Salto da Farinha, il Faro Ponta do Arnel, e il Pico da Vara, il vulcano più alto dell’Isola.

In virtù della sua natura di isola vulcanica, Sao Miguel possiede delle spiagge, di sabbia scura o di ciottoli, di una bellezza sorprendente, che, grazie anche alla temperatura dell’acqua mite tutto l’anno, offrono alcune delle migliori condizioni al mondo per surf, windsurf e kitesurf.

Ma è il whale watching in assoluto l’attività più praticata in questa zona, come in tutto l’arcipelago. Fare whale watching durante una vacanza sub alle Azzorre è un must da cui non potrete esimervi se deciderete di visitare questo angolo di paradiso nell’Atlantico. In queste acque la percentuale di avvistamenti è veramente alta, come alta è la possibilità di provare l’emozionante esperienza di nuotare con i delfini. I fondali sono particolarmente interessanti anche per i subacquei, per via dell’abbondanza di flora e di fauna tipiche di questa zona.

Terceira

L’isola di Terceira è la terza per dimensione dell’arcipelago e ospita la capitale storica delle Azzorre, Angra do Heroísmo, risalente al 1534, il cui centro storico è Patrimoni dell’Umanità.Tra natura e cultura, le cose da vedere a Tercera sono davvero tante.

Algar do Carvão è un posto magico; è l’unica cavità vulcanica presente sulla Terra a cui si accede dal suo camino. Nel suo interno, profonda 80 metri, si trova un meraviglioso lago, mentre una vegetazione rigogliosa e di un verde abbagliante riveste il cono vulcanico. A pochi chilometri di distanza troviamo Gruta do Natal, una cavità creata dalla lava e Furnas do Enxofre, un insieme di fumarole sparse sul fianco di una collina. Il punto più alto di Terceira è la Serra de Santa Barbara, un picco di 1.021 metri di altezza che regala una vista spettacolare su tutta l’isola.

São Mateus da Calheta è un vero e proprio villaggio di pescatori dove assaporare la vera cucina delle Azzore, mentre Praia da Vitória, la seconda città più importante di Terceira, ospita, oltre al porto mercantile, una delle spiagge più lunghe di tutte le Azzorre.

A proposito di spiagge, è d’obbligo sottolineare, per chiunque decida di fare una vacanza sub alle Azzorre, che le acque qui sono abbastanza agitate, ma l’arcipelago è ricco di piscine naturali, facilmente accessibili, dove nuotare in piena tranquillità.

A Terceira è possibile svolgere innumerevoli attività, dalle escursioni in bicicletta, al windsurf, dal trekking alle immersioni, ma anche qui la più gettonata è il whale watching: osservare le balene durante la loro migrazione attraverso l’Oceano Atlantico è davvero un’esperienza che vi emozionerà nel profondo.

Graciosa

La piccola isola di Graciosa (solo 29 km²) è un vero e proprio paradiso naturale classificato dall’UNESCO come Riserva Naturale della Biosfera. È anche detta l’isola bianca per via delle sue caratteristiche geomorfologiche e dei nomi di alcune località presenti nell’isola come Pedras Brancas, Serra Branca e Barro Branco.

La bellezza di Graciosa è mozzafiato. Monti che scendono a picco nel mare, bianchi mulini, vitigni, arte rinascimentale, fondali meravigliosi, chiese, dimore rurali, tranquillità e pace uniti al clima migliore di tutto l’arcipelago

Santa Cruz da Graciosa è il principale centro abitato dell’isola, e si distingue per le sue tipiche case bianche, le sue vie lastricate e le sue bellissime chiese. Dalla vetta Monte Nossa Senhora da Ajuda, sede di tre eremi, si può ammirare una splendida vista su Santa Cruz.

La Caldeira de Graciosa è assolutamente un luogo da non perdere durante la vostra vacanza sub alle Azzorre. Classificato come Monumento Naturale Regionale, al suo interno presenta una grossa cavità vulcanica, chiamata Furna do Enxofre, alta fino a 40 metri raggiungibile tramite una scala a chiocciola; in prossimità si trovano la Furna da Maria Encantada e la Furna do Enxofre, due bellissime grotte.

Graciosa non ha grossi rilievi. I più importanti sono il Pico Timão, che con i suoi 398 metri è il punto più alto dell’isola, e il Pico do Facho, alto 375 metri. Numerosi invece gli isolotti, tra cui l’Ilhéu da Baleia a forma di balena. L’isola offre anche spiagge molto belle e piscine naturali come quella di Carapacho.

São Jorge

São Jorge è una delle più verdi isole delle Azzorre. Per questo è la destinazione ideale per chi è alla ricerca di una vacanza sì di mare, ma a contatto con una natura incontaminata.

São Jore ha una lunghezza di 54 chilometri e una larghezza massima di appena 7. Il periodo migliore per visitarla va tra aprile e ottobre; all’inizio della primavera è possibile assistere alla migrazione di alcuni animali marini, tra cui la balenottera azzurra, e vivere così una delle esperienze più belle di whale watching alle Azzorre.

Il modo migliore per esplorare l’isola e le sua 40 fajãs, pianure tipiche delle Azzorre, è percorrere i numerosi sentieri che la attraversano. Fajã da Caldeira do Santo Cristo è uno dei luoghi più belli dell’isola, una laguna naturale eletta a Riserva Naturale e Area Ecologica. Da non perdere nemmeno la Fajã dos Cubres, con il suo lago dall’acqua cristallina, e la Fajã do Ouvidor, con le sue magnifiche piscine naturali.

Sao Jorge inoltre comprende anche due isolotti: Ilhéu dos Rosais e Ilhéu do Topo, dichiarati Riserva Naturale per la varietà di fiori endemici e perché scelti da numerose specie di uccelli marini per nidificare.

Il Pico da Esperança è il punto più alto dell’isola, dal quale si gode una vista panoramica indescrivibile su tutta Sao Jorge e sulle vicine Pico, Graciosa, Terceira e Faial.  Meritevoli di una visita le pittoresche cittadine di Velas e Calheta.

Santa Maria

L’isola di Santa Maria, anch’essa caratterizzata da una natura e da panorami mozzafiato, è la più meridionale dell’arcipelago delle Azzorre e per questo presenta un clima più caldo e secco rispetto alle altre isole. È soprannominata “isola del sole”, ed è caratterizzata da un alternarsi di campagne verdi, zone più aride, villaggi tipici, campi coltivati e spiagge lunghe e dorate.

Vila do Porto è il maggiore centro abitato dell’isola e la sua Chiesa di Nossa Senhora da Assunção è tra le più antiche delle Azzorre. A Santo Espírito invece la cosa più interessante da vedere è la Chiesa di Nossa Senhora da Purificação con la sua facciata barocca. In zona si trova anche il Pico Alto, il punto più alto dell’isola con i suoi 590 metri d’altezza.

Altri luoghi interessanti dell’isola sono Pedreira do Campo, dove all’interno di una colata basaltica si trovano fossili marini, i barreiros di Santa Maria, terreni di colore rosso tipici di questa isola, e l’Area protetta di Baía da Maia area protetta ricca di vigneti dominata dal faro Gonçalo Velho.

Tra le spiagge più affascinanti dell’isola meritano una menzione Spiaggia Formosa una lunga spiaggia sabbiosa tra le più belle delle Azzorre e Baía de São Lourenço, con vigne terrazzate, case bianche, piscine naturali e una meravigliosa spiaggia di sabbia bianca.

Anche a Santa Maria le attività da praticare non mancano: surf, windsurf, sci acquatico, vela, parapendio e gite in barca. Anche la vita sottomarina è varia e abbondante e gli appassionati di immersioni subacquee non resteranno insoddisfatti. Inoltre, è possibile visitare le Formigas, un gruppo di otto isolotti situati a quasi 40 chilometri dalla costa dell’isola dove ogni anno nidificano numerosi uccelli marini.

Corvo

L’isola di Corvo, dichiarata dall’UNESCO Riserva Mondiale della Biosfera, è la più piccola della nove isole dell’arcipelago delle Azzorre, con un’area di appena 17,1 chilometri quadrati.

La piccola e remota isola di Corvo è caratterizzata da un paesaggio affascinante e ruvido, brullo ma mai inospitale. Gli alberi sono pochi e i numerosi campi coltivati sono per lo più destinati a cereali e pascoli.

Vila do Corvo è l’unico centro abitato dell’isola, una cittadina pittoresca, con case tipiche e stretti vicoli in cui perdersi. La Chiesa di Nossa Senhora dos Milagres è la principale chiesa della città, dedicata alla Nostra signora dei Miracoli, patrona dell’Isola. Altro luogo da visitare è Alto dos Moinhos, caratterizzato da numerosi mulini a vento costruiti sul lungomare, diversi nella loro architettura dai mulini delle altre isole dell’arcipelago. Molti i belvedere della zona, tra cui Monte Gordo, col suo Caldeirão, il cratere con un lago al suo interno, e Pão de Açúcar, costruito sull’omonima montagna che porta lo stesso nome.

Corvo è circondata da coste rocciose, alte anche centinaia di metri, che affondano a strapiombo nell’oceano. Non solo falesie, numerose sono anche le insenature, gli isolotti e le scogliere che rendono Corvo unica nel suo genere. Per godere a pieno di tanta bellezza, il metodo migliore è un giro in barca che vi permetterà di ammirare non solo il paesaggio, ma anche parte della fauna locale grazie ai frequentissimi avvistamenti o attraverso le immersioni.

Flores

Ultima tappa della vostra vacanza sub alle Azzorre è l’isola di Flores, il punto più a ovest non solo delle Azzorre ma dell’intera Europa. Come le sue isole sorelle, anche Flores è di origine vulcanica, e presenta un territorio che alterna montagne e valli, il tutto in una natura rigogliosa e quasi vergine. La sua cima più alta, 914 metri, è il Morro Alto. I brevi corsi d’acqua formano numerose cascate, e le sue coste sono caratterizzate da falesie altissime. L’entroterra è caratterizzato da 7 crateri vulcanici, diventati negli anni dei bellissimi laghi. Tra questi il più rinomato è “Caldeira Funda”, circondato di foreste di lauri e ortensie.

Flores, con i suoi ritmi lenti e la sua vita tranquilla, è il luogo ideale per un taglio netto con il caos e la frenesia della vita moderna e per ritrovare una connessione quasi primordiale con la natura incontaminata.

Le dimensioni modeste, fanno sì che visitare l’isola sia semplice. Un giro in barca vi darà modo di ammirare da vicino le formazioni rocciose della costa, tra cui l’Arco di Santa Cruz das Flores e l’isolotto di Maria Vaz. Degne di nota anche le grotte marine visibili soltanto dall’acqua: la Gruta dos Enxaréus e la Gruta do Galo.

Uno dei panorami più famosi di Flores e di tutte le Azzorre è la Rocha dos Bordões, una serie di colonne basaltiche nate in seguito ad una eruzione vulcanica, situate in un luogo insolito, su di una collina che in base all’inclinazione dei raggi del sole, assume decine di sfumature cromatiche diverse. Una regalo della natura che vi incanterà e che non potrete non vedere durante la vostra vacanza sub alle Azzorre.

Nel corso della vostra vacanza sub alle Azzorre, se siete amanti delle immersioni, adorerete la baia di Alagoa, ricca di isolotti e scogli a pelo d’acqua, e l’isolotto di Garajau, dove osservare da vicino la cernia bruna. A Santa Cruz das Flores e vicino a Lajes das Flores si trovano le bellissime piscine naturali dell’isola. Per chi invece è in cerca di esperienze più autentiche, ideali sono i bacini d’acqua alla base delle cascate, come Ribeira Grande, alta ben 300 metri, e di Poço do Bacalhau, alta 90 metri.

Se invece fare whale watching alle Azzorre è il vostro sogno, Flores non vi deluderà. Decine di gite organizzate vi permetteranno di avventurarvi in mare aperto per osservare da vicino non solo balene, ma varie specie di cetacei e adorabili delfini.

Se anche tu vuoi visitare questo magnifico angolo di paradiso, scopri di più sulla tua prossima vacanza sub alle Azzorre ! Preparati per il tuo prossimo viaggio sub in uno dei luoghi più incredibili d’Europa e non solo!

DestinazioniEuropa

Whale watching alle Azzorre, un sogno che diventa realtà

whale watching alle Azzorre

Fare whale watching alle Azzorre è una esperienza che non dimenticherete per tutta la vita. Questo magnifico arcipelago, nel cuore dell’Oceano Atlantico, con la sua natura selvaggia e le sue acque sorprendenti, vi regalerà un bagaglio di emozioni inestimabile.

Pochi altri posti al mondo vi permetteranno di venire a così stretto contatto con alcune delle specie marine più nobili, maestose e affascinanti.

whale watching alle Azzorre

L’arcipelago delle Azzorre, regione autonoma del Portogallo, si trova a circa metà strada tra Europa e Nord America. Le 9 isole principali che lo compongono sono São Miguel, Santa Maria, Terceira, Graciosa, São Jorge, Pico, Faial, Flores e Corvo. Pur facendo parte dello stesso arcipelago ed essendo tutte di origine vulcanica, queste isole hanno delle caratteristiche distintive che le rendono una diversa dall’altra e soprattutto uniche. Una volta vista una vorrete visitarle tutte!

Whale watching alle Azzore: balene, delfini e molto altro

Praticare whale watching alle Azzorre è semplice, poiché queste isole ospitano fondali spettacolari e un mare molto ricco di nutrienti che offre rifugio a tante specie marine, dalla colossale balenottera azzurra al minuscolo cavalluccio marino. Questo arcipelago ha la caratteristica unica di essere allo stesso tempo una meta europea (con tutti i vantaggi connessi) ma con le caratteristiche naturali e paesaggistiche di paesi lontani e incontaminati.

Ma ciò che davvero caratterizza questo arcipelago, è una delle più elevate concentrazioni di cetacei di tutto il mondo. Infatti queste acque sono tra le migliori al mondo per il whale watching, cioè per l’osservazione di balene e altri cetacei, come pure per vivere l’esperienza magica di nuotare con i delfini.

viaggi per sub azzorre

Anche le esperienze di scuba diving e snorkeling non sono da meno. A causa della sua relativamente giovane età geologica, gli strati sottomarini sono in costante cambiamento, pieni di ripide salite e arcate vulcaniche, grotte, condotti lavici, gole e canyon che non aspettano altro che essere esplorati.

Grazie alla loro posizione, le Azzorre presentano un’abbondanza di vita marina, dai nudibranchi multicolore a vari tipi di squali. Le immersioni costiere offrono anch’esse le proprie attrazioni, come le aragoste pantofole, i dasiaditi e le cernie grigie. Tuttavia sono le immersioni in mare aperto che davvero vi sorprenderanno tra barracuda, marlin, wahoo, tonni e jackfish.

Whale watching alle Azzorre

Le Azzorre ospitano oltre 30 specie di cetacei, tra stanziali e migranti, offrendo così uno degli spettacoli naturali più straordinari. Il whale watching vi permetterà di ammirare balene, ma anche altri cetacei, nel loro ambiente naturale. Rapportarsi, sempre nel massimo rispetto possibile, con questi giganti dell’oceano e con la loro maestosità, sarà una delle esperienze più belle e indimenticabili della vostra vita.

In passato luogo di caccia a capodogli e balene, le Azzorre, a partire dagli anni ’80, hanno cambiato completamente rotta, mantenendo al centro della loro economia e della loro cultura questi splendidi animali, ma in un’ottica di salvaguardia e rispetto.

Gli avvistamenti alle Azzorre sono all’ordine del giorno. Oltre alla balenottera azzurra, è possibile avvistare la balenottera comune, la balenottera boreale, la megattera, l’orca e il maestoso e gigantesco capodoglio. 

Nuotare con i delfini e con gli squali: un’esperienza magica

Le Isole Azzorre sono uno dei migliori luoghi del pianeta dove realizzare il sogno di nuotare con i delfini.

Chiunque abbia vissuto questa esperienza, la ricorda come qualcosa di magico e spirituale. Una sensazione quasi primordiale, un momento di congiunzione profonda tra uomo e natura.

Non è necessario essere sub esperti per nuotare con i delfini, ma è sufficiente una minima confidenza con pinne, maschera e boccaglio per approcciarsi a questo intelligentissimo e curioso animale che deciderà in piena autonomia quando e per quanto tempo interagire con voi.

Alle Azzorre è consentito nuotare con 5 specie di delfini diverse: Tursiope (Tursiops truncatus); Stenella maculata atlantica (Stenella frontalis), delfino comune (Delphinus delphis), Grampo (Grampus griseus); Stenella striata (Stenella coeruleoalba).

L’emozione di nuotare insieme ai padroni del mare, gli squali, è in grado di rendere indimenticabile l’immersione di qualsiasi sub. Le isole Azzorre sono il luogo ideale dove immergersi in totale sicurezza e tranquillità in compagnia di questi affascinanti, e spesso ingiustificatamente temuti, animali.

La possibilità di nuotare con i famosi mako o le verdesche è assolutamente unica, essendo questi animali molto schivi ed amanti della vita in “mare aperto”. A volte in queste sorprendenti acque è possibile imbattersi anche in squali blu, squali martello e persino squali balena.

Whale watching alle Azzorre: quando andare

Le Azzorre sono una parte affiorante della catena di montagne sottomarine nota come Dorsale Medio-Atlantica. Qui la corrente del Golfo regala un clima mite sia d’estate che d’inverno. Il periodo migliore per una vacanza subacquea alle isole Azzorre va da inizio maggio a fine ottobre, anche se il clima in questo arcipelago è piacevole in qualsiasi periodo dell’anno.

Le temperature da giugno ad agosto, i mesi più caldi, non superano quasi mai i 30°C. In primavera e in autunno le massime sono intorno ai 24°C e le minime intorno ai 16°C. Grazie alla Corrente del Golfo, la temperatura dell’acqua nei mesi estivi è di circa 26°C e non scende al di sotto dei 20°C nemmeno in primavera e in autunno.

Le stagioni nelle Azzorre svolgono un ruolo fondamentale in ciò che è possibile fare e vedere. I mesi invernali sono quelli con meno turisti, con tempeste atlantiche che colpiscono la costa. Tuttavia la vita subacquea in questo periodo è sorprendentemente abbondante, nonostante la temperatura dell’acqua scenda a 14 ° C.

In primavera, periodo in cui il turismo aumenta, le immersioni notturne sono davvero fantastiche con avvistamenti di squali, calamari, razze chiodate e nuvole di krill, solo per citarne alcuni. Da luglio a ottobre è il periodo migliore per avvistare squali blu e mante. Mentre le balenottere azzurre e i delfini sono avvistabili tutto l’anno, soprattutto però nei mesi di marzo e aprile.

Se anche tu vuoi vivere l’emozionate esperienza di fare whale watching alle Azzorre, scopri di più sul tuo prossimo viaggio per sub alle Azzorre!

Intanto godetevi un’anteprima di  ciò che vi aspetta in questo angolo di paradiso, attraverso le foto di chi,  con l’aiuto di DiveCircle, ha potuto vivere questa magica esperienza!!!