Chat with us, powered by LiveChat
AsiaDestinazioni

La Thailandia, tra mare e terra in un turbine di emozioni

Baia di Phang Nga

La Thailandia, nota fino ad alcuni decenni fa anche come Siam, è senza alcun dubbio uno tra gli Stati del sud-est asiatico più affascinante e carismatico. Terra di indescrivibili bellezze artistiche e naturali, con un legame indissolubile con il suo passato e le sue tradizioni e con un mare cristallino, pieno di vita e talmente bello da mozzare il fiato.

Il nome Thailandia deriva da thai, che significa “libero”. Il Regno di Thailandia è dunque il paese degli uomini liberi e il sanuk, ovvero la capacità di trovare gioia e piacere in tutte le attività quotidiane, ne sintetizza perfettamente lo spirito; ed è proprio lo spirito gioioso ed accogliente del popolo thailandese, unito alle infinite bellezze che questa terra regala, che spingono ogni anno migliaia di sub e viaggiatori a perdersi in questo mondo fatto di spiagge bianchissime, boschi e montagne, templi incantati, tradizioni immutate, acque cristalline, fondali meravigliosi e città in cui la modernità si miscela con le testimonianze di un glorioso passato.

Il mare della Thailandia tra immersioni e snorkeling

La Thailandia, con migliaia di chilometri di costa, un mare caldo, cristallino e pieno di vita, offre agli appassionati di snorkeling e di subacquea un’ampia scelta di punti di immersione adatti a ogni livello di preparazione, dal principiante che per la prima volta si approccia a questi fantastici sport, al sub più esperto. I diving center sono numerosissimi, così come le infrastrutture, i servizi offerti e le strutture ricettive.

La Thailandia vanta un’offerta subacquea al top durante tutto l’anno, ma, a seconda dei periodi, alcune regioni sono preferibili ad altre. Da maggio ad ottobre, ad esempio, è consigliabile visitare il Golfo della Thailandia, da novembre a maggio, invece, il Mare delle Andamane, mentre il periodo migliore per immergersi insieme agli squali balena va da febbraio a maggio.

La costa ovest che si apre sul Mare delle Andamane offre un mare sempre caldo, con poca corrente e condizioni di visibilità molto buona. Durante tutto l’anno in zone diverse si possono incontrare squali balena, squali di barriera pinna bianca, mante giganti, tartarughe, distese di corallo e le tantissime altre varietà di fauna e flora marina tipica dei paesi tropicali.

Il Mare delle Andamane vanta una grande quantità di mete rinomate e bellissime per praticare diving. Tra queste, oltre a Phuket, principale punto di partenza di molte delle crociere subacquee, troviamo le isole Similan (link landing), perfette per i sub ad ogni livello di esperienza, con profondità che vanno dai 2 ai 30 metri; ricche di pareti rocciose e gallerie sottomarine, presentano una ricchissima vita marina che spazia dai piccoli coralli molli, ai banchi di pesci di medie dimensioni, fino ad arrivare alle tartarughe e agli squali balena.

Sempre in questo mare trovate Richelieu Rock, che deve la sua fama al grande esploratore Jacques Cousteau che scoprì questo pinnacolo sommerso alto circa 50 metri, successivamente diventato uno degli spot di immersioni più famosi della Thailandia. Il nome deriva dal colore rosso intenso che caratterizza i coralli molli dell’area, e che ricorderebbe il cappello del Cardinale Richelieu. Qui è possibile ammirare una grande varietà di pesci e mammiferi, come le mante, gli squali balena e i lionfish.

Altra menzione d’obbligo per Shark Point, dove, circondati da coralli molli viola e rosa, ci si può immergere insieme a pesci scorpione, pesci angelo, pesci palla e alcuni squali leopardo, squali grigi e pinna bianca.

Le immersioni nel Golfo di Thailandia, pur offrendo meno visibilità, possono essere altrettanto avvincenti, e vi permetteranno di trovarvi a tu per tu con squali balena e affascinanti relitti.

Nel Golfo di Thailandia sono famose Koh Samui, Koh Tao e Koh Phangan, che offrono ai propri visitatori alcune dei punti di immersione più belli e famosi di tutto il Regno. Molto frequentata dai sub di tutto il mondo, ma soprattutto per gli appassionati di relitti, Pattaya. Qui potrete ammirare i relitti dell’HTMS Khram e il Petchaburi Bremen.

Per quanto riguarda la gastronomia, la Thailandia è la meta ideale per coloro che sono alla continua ricerca dell’eccellenza culinaria, grazie ai numerosi ristoranti top class di cucina thai, riconosciuta, insieme alla giapponese e alla cinese, come una delle tre massime espressioni gastronomiche dell’Oriente. Molto apprezzato e diffuso anche lo street food, venduto dai caratteristici carrettini ambulanti (rót khén) e nei mercati (tàlàat) e nelle zone più popolari.

La cucina thai è il profumo del riso, la vivacità dello zenzero, il piccante del peperoncino e del curry, le fragranze delle erbe aromatiche, l’uso esperto di spezie e aromi, la freschezza dei preziosi doni del mare, il profumo della frutta esotica e del latte di cocco, le esplosioni continue di colori, sapori e essenze sapientemente accostate. Un continuo piacere per il palato ma anche per gli occhi, ottenuto attraverso la maestria, tipica di questo popolo, nell’intaglio della frutta e della verdura che fa di goni piatto una piccola opera d’arte.

viaggi per sub thailandia

Un altro modo per immergersi nella cultura thailandese è attraverso la tradizione legata alle arti e ai mestieri. Qui l’artigianato e l’arte riflettono profondamente l’identità locale di ogni comunità, retaggio di tradizioni secolari e competenze tramandate di generazione in generazione. Dalla creazione di gioielli e sculture, alla tessitura di stoffe pregiate, dalla lavorazione del legno e del vimini alla ceramica, dalla creazione di essenze alle lacche, qui tutto è avvolto da un’aura di esotismo e misticismo che vi renderà impossibile ripartire a mani vuote.

Non solo mare: cosa vedere in Thailandia

Un elenco di tutto quello che meriterebbe di essere visto in Thailandia sarebbe pressoché infinito. Già solo per quanto riguarda i wat, ovvero i templi buddhisti, il Regno ne conta più di 30 mila. Nella sola Thailandia poi, esistono 102 parchi nazionali, di cui 18 marini, 122 riserve naturali, 57 orti botanici e 1220 riserve forestali.

Eccovi però qualche piccolo spunto da cui partire.

Iniziamo dalla capitale, Bangkok, la città degli angeli abbracciata dal Chao Phraya, il “fiume del re”, che sinuoso la attraversa. La metropoli orientale per eccellenza con i suoi dedali di suoni, colori, sfumature e le sue contraddizioni armoniche tra vecchio e nuovo. Grattacieli che si alternano a templi dorati di rara bellezza, simboli di un culto, quello buddhista, che è la vera anima di questa terra. Il centro storico con l’isola di Rattanakosin, è un vero e proprio scrigno di rare bellezze, come il Gran Palazzo Reale e il Wat Phra Kaew, un bellissimo complesso templare in cui è custodito il Buddha di smeraldo, il palladio della città di Bangkok.

Il Nord è senza dubbio la regione più autentica e meno turistica dell’intero Regno e forse per questo la più magica. Tra Buddha giganti, templi, colline verdeggianti, risaie, riti, mercati e festività, vi ritroverete catapultati nella Thailandia più antica.­­ Imperdibile il Wat Phrathat Doi Suthep a 15 km dalla città di Chiang Mai e il Wat Rong Khun, conosciuto come il Tempio Bianco. Un edificio di recente costruzione progettato dal pittore visionario Chalermchai Kositpipat, interamente realizzato in gesso e specchietti che creano bellissimi giochi di luce.

Il centro è la zona più rurale dell’intero stato. Campi a perdita d’occhio, parchi, rovine e cascate caratterizzano l’intera zona. Da vedere le rovine Khmer di Phimai, che con le loro sfumature rossastre si ergono da prati verdi, e le rovine di Ayutthaya, l’antica capitale del Siam patrimonio dell’umanità. Al suo interno vicino, nascosto tra ruderi del Wat Mahathat, un albero sacro che nel suo tronco ospita una meravigliosa testa del Buddha.

Torniamo così al sud, alla Thailandia più esotica in assoluto, quella del mare, delle sconfinate distese di sabbia bianca, degli arcipelaghi, del mare turchese e dei fondali pullulanti di pesci e coralli che ogni sub almeno una volta nella vita sogna di vedere. Il sud con il Golfo di Thailandia, il Mare delle Andamane e le decine e decine di mete, non deluderà nessuno, dal turista più pigro che sogna solo relax e bagni di sole, a quello più avventuroso alla ricerca di forti emozioni e esperienze uniche.

Se vi è venuta voglia vi visitare questo meraviglioso paese, scopri qui tutte le offerte per la Thailandia!

DiveCircle
Leave a Comment