DestinazioniEuropa

Immersioni alle Canarie: una vacanza sub da ricordare

Non sempre serve andare dall’altra parte del mondo per vivere esperienze uniche a contatto con il mare e i suoi fondali: in Europa per esempio è possibile fare immersioni alle Canarie, un vero sogno ad occhi aperti.

Un viaggio diving alle Canarie è la scelta perfetta per vivere un’avventura subacquea a 360°: acque limpide, grotte, scogliere e una grandissima varietà di specie marine vi aspettano!  

Situate nell’Oceano Atlantico, al largo dell’Africa nord – occidentale, le Isole Canarie sono un vero paradiso per gli amanti dei viaggi sub, dello snorkeling, dei relitti e dell’avvistamento dei grandi abitanti dei mari.

Nella maggior parte delle isole Canarie troverete tantissimi scuole subacquee e molti diving resort che organizzano escursioni sui principali punti di immersione di quest’arcipelago appartenente al territorio spagnolo. 

Fare immersioni alle Canarie significa entrare in acque limpidissime, con una visibilità che in media si mantiene sopra i 25 metri e una temperatura che tutto l’anno è intorno ai 20°, creando l’habitat ideale per una grandissima varietà di specie marine.  

I fondali marini di questo arcipelago di origine vulcanica sono davvero molto particolari. Vivere un’esperienza diving alle Canarie infatti vuol dire ritrovarsi a nuotare tra colate di lava dalle quali si sono originate le pareti verticali che oggi sono popolate da una flora e una fauna rigogliose e hanno grotte poste a grandi profondità ed adatte all’esplorazione dei sub più esperti.

Una ricchezza che ha consentito a diverse zone delle isole El Hierro, La Palma e Lanzarote di ottenere il riconoscimento di riserva marina protetta.  

Nelle acque di La Palma, perfette per chi ama le immersioni profonde, per esempio si possono incontrare aquile di mare, pesci palla spinosi, corallo nero, cernie, oltre a numerose grotte e scogliere che arrivano fino a 300 metri. 

Al largo della piccola e selvaggia isola di El Hierro invece si trova la riserva de la Restinga, un santuario marino in cui ogni anno arrivano delfini, mante, tartarughe, tonni, cernie, barracuda e alcuni squali balena. 

Tra le altre isole in cui fare immersioni da sogno alle Canarie, ci sono Fuerteventura e Gran Canaria.  

Fuerteventura è la seconda isola per grandezza che racchiude anch’essa svariati punti di immersione. Tra i più importanti annoveriamo El Jabito, Veril Grande, una parete che scende fino a 40 metri e nasconde specie marine come murene, mante, saraghi e squali angelo e El Bajon del Rio, una depressione dorata a quasi 20 metri di profondità dalla quale spuntano massi vulcanici.   

Gran Canaria è la meta perfetta per effettuare le immersioni sui relitti: al largo delle sue acque limpide si trovano numerose imbarcazioni adagiate sui fondali e diventate parte integrante dell’ecosistema sottomarino di questa porzione di mare unica al mondo.  

Tutte le Isole Canarie, annoverate tra le destinazioni low-cost per i viaggi sub, offrono numerosi siti di immersione, ciascuno con le sue peculiarità. Vediamone insieme alcuni che potrete incontrare sulle isole di Tenerife e Lanzarote.  

Immersioni alle Canarie: Tenerife 

La più grande delle isole Canarie è Tenerife, che con i suoi circa 2000 metri quadrati è dieci volte più grande di El Hierro, l’isola più piccola dell’arcipelago.  

Rinomata in tutto il mondo per le sue spiagge bianchissime e l’acqua limpida, Tenerife offre oltre cinquanta punti di immersione, tra cui la nota “Cattedrale”, una parete marina di archi e voragini che custodisce una grotta di 20 metri e si trova ad appena 5 minuti da Puerto de La Cruz, nel nord dell’isola. 

Al largo di Tenerife, inoltre, giacciono due importanti relitti visitabili durante un’immersione: “El Peñón”, relitto di 35 metri, ed “El Condesito”, entrambi a circa 20 metri di profondità. 

Tra i siti di immersioni adatti ai sub più esperti ed appassionati di fotografia macro subacquea c’è sicuramente quello di Marazul: esso si sviluppa tra i sette e i trenta metri ed offre coloratissimi reef dove è facile incontrare polipi, pesci balestra e pesci trombetta.   

Playa Paraiso invece è il sito di immersione ideale per tutti i sub: passa dai 3 ai 25 metri di profondità ed è caratterizzato da una serie di canyons vulcanici che ospitano barracuda, tartarughe, saraghi, pesci trombetta, dentici e crostacei. 

Ai meno esperti suggeriamo invece il sito di El Puertito: qui si nuota prima in superficie per arrivare fino ai 14 metri e avere la possibilità di incontrare tartarughe, razze, pesci trombetta e anche alcuni esemplari di squali angelo.  

Immersioni alle Canarie: Lanzarote  

Le acque di Lanzarote ospitano il primo museo sottomarino d’Europa, realizzato dall’artista britannico Jason de Caires Taylor. A 15 metri di profondità, Taylor ha inserito una serie di sculture contemporanee che sono visibili anche praticando snorkeling e rappresentano alcuni temi di attualità come quello dei migranti e delle numerose morti in mare avvenute negli ultimi anni.  

La riserva marina di Lanzarote si trova precisamente a La Graciosa, una piccola, incontaminata isoletta posta a nord di Lanzarote, che insieme agli isolotti che la circondano rappresenta l’area marina protetta più estesa di tutta Europa.    

I tanti punti diversi di immersione presenti sull’isola sono adatti a soddisfare esigenze e capacità di tutti i sub, dai più esperti ai principianti. 

Tra le immersioni alle Canarie più impegnative c’è quella di Lava Caves, che inizia a soli 15 metri di profondità e scende fino ai 60 e permette di incontrare razze, pesci scorpione, murene ed esemplari di squali angelo.  

Il sito di Las Salinas invece è caratterizzato da acque particolarmente cristalline e fondali modellati da lava vulcanica in cui vivono razze, pesci di barriera e murene.  

Punta Jabillo è la scelta perfetta per i sub meno esperti che potranno nuotare in superficie nella baia protetta di Lanzarote e incontrare tante specie marine tipiche di queste acque.  

Immersioni alle Canarie alla scoperta dei relitti 

Immersioni alle Canarie

Una delle cose assolutamente da non perdere durante le immersioni alle Canarie è sicuramente la scoperta dei tanti relitti adagiati sui fondali di questo magico arcipelago europeo.

A Gran Canaria per esempio, a 40 metri di profondità, si trova il relitto della nave mercantile Arona, lunga 100 metri per 15 metri di larghezza, che affondò nel 1972 a causa di un incendio. 

A sud-est di Lanzarote, vicino alla movimentata Puerto del Carmen, si trovano tre relitti di imbarcazioni in legno usate in passato per la pesca; i relitti si trovano a diverse profondità e questo li rende fruibili a sub di diverso livello ed esperienza.  

A Tenerife la nave El Peñón, lunga 35 metri e affondata nel 2006 viene oggi utilizzata come barriera artificiale per la costa; al suo interno abitano piovre, murene e moltissime altre specie marine. 

Canarie: le esperienze da non perdere oltre le immersioni  

Le isole Canarie offrono numerose attrattive per ogni tipo di viaggiatore: dalla montagna del Teide di Tenerife, la più alta di tutta la Spagna, passando per lunghe spiagge bianchissime e città caratteristiche, fino ad arrivare alla vulcanica Lanzarote famosa per il parco nazionale Timanfaya e le opere di Cesar Manrique.  

Le escursioni sono le attività più interessante da svolgere sulle Isole Canarie e garantiscono un perfetto mix tra relax e avventura.  

Escursioni in notturna per ammirare la volta celeste, passeggiate a dorso di un cammello e percorsi in quad alla scoperta del territorio vulcanico tipico di questo arcipelago.  

Ma le escursioni per eccellenza alle Isole Canarie sono senza dubbio quelle vissute nei fondali marini. Anche chi non ama le immersioni a grandi profondità non dovrà quindi rinunciare alla possibilità di scoprire i fondali di queste isola piene di fascino.  

Facendo snorkeling tra le scogliere coralline infatti si possono ammirare tantissime specie di pesci tra cui tartarughe, cavallucci marini, ricci di mare, spugne, polipi, pesci pappagallo e molto altro ancora.  

Le isole Canarie sono inoltre un luogo privilegiato per l’osservazione dei cetacei: il cosiddetto whale watching in questo arcipelago vi regalerà incontri indimenticabili!  

Affidatevi agli esperti locali dei centri specializzati e andate con loro alla scoperta dei grandi giganti del mare. Alle Canarie è possibile avvistare diverse specie di cetacei durante tutti i mesi dell’anno e non vi servirà allontanarvi troppo dalla costa per incrociare delfini, globicefali, balenottere e capodogli!  

E se siete amanti degli sport acquatici sappiate che le onde dell’Oceano Atlantico, che in inverno superano anche i cinque metri di altezza, sono perfette per chi pratica windsurf 

Immersioni alle Canarie: flora e fauna 

Le isole Canarie sono un esempio di biodiversità e straordinaria conservazione dei fondali marini.  

Tra le scogliere vulcaniche delle Canarie possiamo incontrare l’aquila pescatrice chiamata anche “Guincho” ed il canario, l’uccellino, dal particolare colore giallo, tipico di queste terre, che ha dato il nome all’intero arcipelago.  

Tra le specie animali, esclusive della zona delle Canarie, troviamo il particolare granchio cieco, che vive solamente nei tunnel di lava.  

Tra le specie marine si annoverano delfini, balene, mante, cernie, barracuda, pesci pappagallo, pesci angelo e pesci damigelle oltre ad alcuni esemplari di squali.  

Immersioni alle Canarie: quando andare 

Non esiste un vero e proprio periodo migliore per organizzare un viaggio sub alle Canarie.  Nonostante si trovino quasi all’altezza del Tropico, a breve distanza dalle coste di Marocco e Sahara Occidentale, queste isole godono tutto l’anno di un clima eccezionalmente mite a causa della corrente marina fredda che soffia in questa zona dell’Atlantico e degli alisei che spirano costanti sulle coste dell’arcipelago.  

Proprio a causa di questa corrente fredda le acque del mare delle Canarie non superano mai i 22°/23°, mentre in inverno raggiungono i 19°.  

Nella parte costiera delle isole le temperature medie di gennaio e febbraio si aggirano intorno ai 17°/18° mentre quelle di luglio, agosto e settembre intorno ai 23°/24°. Solo nella zona di Santa Cruz di Tenerife in piena estate si raggiungono picchi anche di 28°/29°.  

Anche in estate, quando le ore di luce sono di più, la notte le temperature si abbassano intorno ai 20°, un clima che molti ritengono ideale per riposarsi dopo una giornata di immersioni ed escursioni tra le isole.  

 Se anche voi non vedere l’ora di vivere una vacanza magica nelle isole dell’eterna primavera, preparati per le tue immersioni alle Canarie, vivrete emozioni uniche a contatto con il mare e i suoi tesori. 

 

DiveCircle